Modulo E-Learning

Capitolo 1 Lezione 4
Impostazioni delle modalità di gioco
60 minuti
L'obiettivo di questa lezione è presentare le varie modalità di gioco come parte del percorso formativo dei partecipanti nel contesto della progettazione di una Escape Room didattica.
Al termine di questo segmento, i partecipanti dovrebbero essere in grado di:
  • Comprendere i diversi tipi di modalità per una escape room didattica
  • Scegliere la modalità di gioco più adatta
  • Impostare la propria modalità di gioco

Il modulo attraverserà il processo di progettazione di una escape room didattica a partire dall’inizio.

Seguendo il processo a tappe suggerito dalla Metodologia Transdisciplinare di Arnab & Clarke, il Percorso dei partecipanti è suddiviso in cinque aree che gli educatori possono prendere in considerazione all’inizio della progettazione della loro escape room didattica.

1. Tipologia di Utente: La valutazione dei bisogni degli utenti viene effettuata per determinare le caratteristiche demografiche e le esigenze educative del giocatore.

2. Tempo: Durata dell’esperienza. Può essere un’esperienza breve di 15 minuti o un’esperienza più lunga, della durata di più giorni.

3. Difficoltà: È importante considerare chi è l’utente designato per graduare/gestire la difficoltà dei rompicapi in base al livello di istruzione e/o professionale dei giocatori (ad esempio: studenti universitari, laureandi, laureati, titolari e dipendenti).

4. Modalità: Scegliere la modalità di esperienza. I giocatori lavorano insieme per risolvere/escludere l’esperienza vs i giocatori competono per essere i primi a capire gli obiettivi.

5. Dimensione: Scegliere il numero di partecipanti per i quali il gioco deve essere progettato.

Nella Sezione 2 abbiamo illustrato la prima area – Tipologia di utente.

Nella Sezione 3 abbiamo continuato con la spiegazione dell’area 2 – Tempo e 3 – Difficoltà.

Nella Sezione 4 illustreremo l’area 4 – Modalità

Modalità: Varianti delle escape room

Vi sono alcuni modi per variare l’esperienza delle escape room.

Escape Room Competitive

Il lavoro di squadra è il fulcro delle escape room; tuttavia, ci sono stanze che sfruttano la natura competitiva del giocatore. Alcune strutture sono in grado di far giocare le squadre l’una contro l’altra in stanze identiche, con la squadra che riesce a fuggire per prima come vincitrice.

Altre possono mettere le squadre l’una contro l’altra in stanze completamente diverse.

La competitività è un elemento che deve essere presente, in quanto gli studenti devono competere contro altri gruppi per poter fuggire dalla stanza. Tuttavia, in questa competitività, dovranno fare affidamento sui membri del gruppo, poiché potrebbero esserci alcuni compiti che non tutti nel gruppo saranno in grado di risolvere. Un altro punto di vista enfatizza il lavoro di squadra e la cooperazione piuttosto che la competitività. Inoltre, il fallimento (una caratteristica significativa nella competitività) è una possibilità che può e deve avvenire in modo da imparare.

Escape Room Basate sul Punteggio

Si possono assegnare punti in base a compiti, tempo e penalità. Ad esempio, una stanza può detrarre punti per i suggerimenti richiesti, o una stanza può dare punti bonus per sbloccare segreti che non fanno parte del percorso principale del rompicapo.

Evento di Fuga su Larga Scala

Più squadre giocano tutte nella stessa stanza (o stanze) nello stesso momento entro il limite di tempo stabilito. Anche se le squadre sono indipendenti l’una dall’altra, c’è un piccolo elemento competitivo che richiede di risolvere la sfida nel minor tempo possibile.

Definizione delle due strategie di insegnamento – Collaborazione e Competizione

La Classe Cooperativa

Gli studenti sono di solito divisi in piccoli gruppi e sono incoraggiati a lavorare insieme per massimizzare. Le attività possono includere la lettura ad alta voce del lavoro dei ragazzi, il commento e la modifica reciproca dei lavori di scrittura, l’uso di flashcard per aiutarsi a studiare l’ortografia o le tabelline, la collaborazione a un progetto più ampio, come un esperimento scientifico, una presentazione di storia o l’analisi di un problema sociale.

Pros Cons
I ragazzi apprendono importanti competenze sociali collaborative di cui avranno bisogno in seguito nella loro vita lavorativa Può essere difficile per un insegnante valutare accuratamente i progressi dei singoli studenti
Gli studenti possono effettivamente imparare meglio, quando contribuiscono anche a insegnare ad altri studenti Gli studenti possono non essere motivati ad impegnarsi al massimo se hanno la certezza che i loro compagni di classe svolgeranno tutto il lavoro necessario
I ragazzi che potrebbero rimanere indietro in un ambiente più competitivo possono essere portati al passo con i loro coetanei Gli studenti possono sentirsi frustrati se i loro sforzi individuali non vengono riconosciuti

La Classe Competitiva

A volte chiamato apprendimento individualistico, la classe competitiva è la forma più tradizionale di apprendimento. Gli studenti studiano da soli e completano i propri compiti mentre cercano di imparare la materia presentata. I test e i quiz misurano il progresso di ogni studente, e vengono dati voti in lettere o percentuali sia per i compiti che per i test. In questo tipo di impostazione, gli studenti possono diventare competitivi tra di loro per ottenere i voti migliori e per il loro riconoscimento.

Pros Cons
I ragazzi affrontano la sfida della competizione come nel mondo reale Alcuni studenti possono diventare frustrati e persino apatici se rimangono troppo indietro rispetto al resto dei loro compagni di classe
Gli studenti sono incoraggiati a dare il meglio di sé Ottenere voti alti e l’approvazione degli insegnanti può diventare più importante dell’apprendimento vero e proprio
Il pensiero e lo sforzo indipendente sono incoraggiati e premiati Andare d’accordo con gli altri potrebbe diminuire di importanza
I ragazzi possono lavorare comunque in squadre, ma in competizione con altre squadre  

Esiste una via di mezzo?

Come nella vita, niente nell’insegnamento è completamente bianco o nero. Dato che le strategie di insegnamento competitive e cooperative hanno entrambe i loro vantaggi, entrambe possono essere incorporate in una classe.

Poiché le squadre che competono contro altre squadre danno vita ai giochi di fuga, una componente chiave di questa opportunità di apprendimento è la combinazione tra competizione e collaborazione. “Tra i vantaggi dell’approccio competitivo possiamo citare: l’interattività, l’attività collaborativa all’interno del gruppo, la partecipazione attiva, la sfida nel risolvere i problemi e la motivazione degli studenti ad esplorare i propri argomenti” (Burguillo, 2010, p.12). Questi benefici vantaggi sono comuni al mondo del gioco, in quanto costituiscono una motivazione chiave all’interno della maggior parte di essi. La ricerca di Cagiltay et al. (2015) sostiene questo in quanto hanno scoperto che “includere l’elemento ludico della competizione in un ambiente di apprendimento basato sul gioco migliora i risultati di apprendimento e la motivazione dei partecipanti. Di conseguenza, i progettisti di giochi dovrebbero incorporare l’elemento “competizione” nei giochi che creano per facilitare l’apprendimento” (p. 40). Ci sono anche molti benefici nell’incoraggiare lo sviluppo della collaborazione, in quanto i benefici riguardano “il sostegno ai partner e l’aumento dei comportamenti di aiuto. Queste pratiche hanno anche aiutato molti studenti a superare la loro timidezza e hanno portato a una migliore partecipazione” (Ciampa, 2014, p.93).

Come Bilanciare Apprendimento Competitivo e Collaborativo

Alcuni di voi diranno che la competizione nuoce all’apprendimento. In effetti, Alfie Kohn lo sostiene da anni: “Uno dopo l’altro, i ricercatori di tutto il paese hanno concluso che i ragazzi non imparano meglio quando l’educazione si trasforma in una lotta competitiva. Perché? Primo, la competizione spesso

rende i ragazzi ansiosi e questo interferisce con la concentrazione. Secondo, la competizione non permette loro di condividere i loro talenti e le loro risorse come fa la cooperazione, quindi non possono imparare gli uni dagli altri. Infine, cercare di essere il numero uno li distrae da ciò che dovrebbero imparare. Può sembrare paradossale, ma quando uno studente si concentra sulla ricompensa (una A o una stella d’oro o un trofeo), diventa meno interessato a quello che sta facendo. Il risultato: il rendimento diminuisce”.

Tuttavia, la competizione è una parte fondamentale della natura umana. Il modo in cui insegniamo ai nostri studenti a vedere e rispondere alla competizione, però, deve cambiare. Dobbiamo presentare la collaborazione, per esempio, come un vantaggio competitivo. Gli insegnanti devono iniziare a premiare gli studenti per l’empatia e le buone capacità di ascolto, non solo per il completamento dei compiti.

Apprendimento competitivo non significa solo fare tutto il possibile per avere successo individualmente, ma anche essere ricettivi ai bisogni della società. Dieci anni fa, il successo avrebbe significato guadagnare la laurea, sapere come superare un’intervista e avere una grande idea di business. Ora può significare perseguire un percorso educativo alternativo, sapere come sviluppare soft skills e lavorare bene con gli altri, e considerare il valore dell’imprenditoria sociale. Ecco le nostre strategie per diventare uno studente competitivo: Ecco le nostre strategie per diventare uno studente competitivo:

  • Utilizzare l’innovazione, non la conoscenza, come vantaggio competitivo
  • Essere in grado di risolvere i problemi in modo collaborativo
  • Comprendere come costruire la propria presenza
  • Coltivare una prospettiva multidisciplinare
  • Essere intrinsecamente motivati
  • Non avere paura di fallire
  • Credere in una cultura del servizio
  • Migliorare attivamente la propria memoria
  • Impegnarsi per l’alfabetizzazione digitale
  • Registrare il proprio apprendimento

Cercare di incorporare strategie di insegnamento sia cooperative sia competitive in una singola classe richiede molto impegno e sforzo, ma se è la cosa migliore per la tua classe, provaci!

I giochi di escape room permettono di perfezionare le proprie abilità come giocatore di squadra e aiutano a dedicarsi a un’ora di giochi spensierati e produttivi in cui bisogna risolvere enigmi e uscire dalla stanza risolvendo determinati indizi.

Materiali e Risorse
Clarke, S., Peel, D., Arnab, S., Morini, L., keegan, H., & Wood, O. (2017). EscapED: A Framework for Creating Educational Escape Rooms and Interactive Games to For Higher/Further Education. International Journal of Serious Games 4(3), 73-86. https://doi.org/10.17083/ijsg.v4i3.180 https://web.wpi.edu/Pubs/E-project/Available/E-project-050218-064950/unrestricted/FirestormD18_Final_Booklet.pdf https://thecodex.ca/wp-content/uploads/2016/08/00511Wiemker-et-al-Paper-Escape-Room-Games.pdf Pan, R., Lo, H., & Neustaedter, C. (2017). Collaboration, awareness, and communication in real-life escape rooms. In Proceedings of the 2017 Conference on Designing Interactive Systems Bassford, M. L., Crisp, A., O'Sullivan, A., Bacon, J., & Fowler, M. (2016). CrashEd–A live immersive, learning experience embedding STEM subjects in a realistic, interactive crime scene. Research in Learning Technology, 24(1), 30089. https://en.wikiversity.org/wiki/Instructional_design/Learner_analysis/what_when_why

Seleziona la risposta corretta (1) tra le seguenti opzioni:

Q1. I vantaggi dell'approccio competitivo sono:

a. Miglioramento dei risultati di apprendimento e motivazione dei partecipanti
b. Supporto per i partner
c. Gli studenti possono imparare gli uni dagli altri

Q2. Il feedback dell'insegnante ai partecipanti su quanto bene hanno collaborato si chiama:

a. Strutturare il compito
b. Debriefing
c. Monitoraggio delle prestazioni del gruppo

Q3. Cosa significa apprendimento competitivo?

a. Fai tutto il possibile per avere successo individualmente.
b. Sii ricettivo ai bisogni della società.
c. Essere in grado di risolvere i problemi in modo collaborativo.
d. Tutti i precedenti

Risposte

Q1: a
Q2: b
Q3: d